Viso riposato, luminoso e senza quei segni rivelatori che potrebbero farci scoprire dopo quella nottata brava appena trascorsa. Sì… una fantasia, si direbbe, e invece no! Si può ricorre allo skincare più tecnologicamente avanzato. Da quello ad ispirazione green, sempre più amato, tanto da aver superato il miliardo di euro di consumi solo nel nostro Bel Paese nel 2016, a quello dedicato alle zone specifiche di occhi e viso (come l’ovale e gli zigomi). Già perché per uno sguardo disteso e un viso definito non si bada a spese e infatti oltre 137 milioni di euro son stati sapientemente investiti in skincare mirato solo in Italia. E sempre più spesso ci si reca negli istituti di bellezza e centri benessere, con più di 230 milioni di euro spesi, per farsi coccolare grazie agli innovativi macchinari e protocolli sempre più personalizzati ed eseguiti in ambienti emozionali (dati Cosmetica Italia, www.cosmeticaitalia.it).

E le ispirazioni non mancano certo. Le facialist più amate dalle celebs, da Los Angeles a New York, hanno le loro ricette. Rachel Zoe si mette nelle mani sapienti di Chanel Jenae per il suo massaggio specifico per gli zigomi, liftante ad effetto sculpting e a base di formule green. Anima verde anche per i protocolli age-blocking di Georgia Louise a base di cosmetici naturali che abbinano molecole hi-tech ad azione anti età amati da Kate Perry e Jennifer Lopez. Usa le luci LED invece Frankie Paige per eliminare le rughe e affinare la cute dei visi bellissimi (e ora capiamo come) di Mandy Moore e Michelle Branch. Mentre Joanna Czech le sfrutta, abbinate ad ultrasuoni, per rimpolpare la pelle di attrici come Cate Blanchet e Uma Thurman. E per attenuare pori e piccole imperfezioni ecco i rituali di Kate Somerville, che abbina anche la digitopressione, e Christine Chin che utilizza maschere patch ad hoc. Tra le loro clienti? Jessica Alba, Drew Barrymore e Gisele Bündchen. Si tratta certamente di trattamenti ad alto impatto con risultati immediati. Ma che ora si possono ottenere anche a casa! Per raggiungere infatti gli stessi benefici di soin da red carpet, arrivano in aiuto i trend dello skincare più innovatore, dagli attivi più performanti. “La ricerca porta a inserire nelle formule frammenti di acido ialuronico, come la glucosamina, o acidi grassi per ridurre l’evaporazione dell’acqua e così mantenere la pelle ben idratata”, dice Umberto Borellini, cosmetologo. Gli estratti? Dal mondo vegetale: dalla barbabietola e aloe, al fico d’india e al fiore delle rocce, ma anche dal mondo marino con le mucillagini delle alghe. Per quanto riguarda i trattamenti dedicati all’azione tensiva e liftante invece le proteine fanno la parte del leone. “Anche qui si utilizzano piccole parti della molecola, gli oligopeptidi, stimolatori dei fibroblasti. Oppure la arabinoxilane che, mimando un po’ l’acido ialuronico ed essendo una molecola in parte proteica, agisce sul turgore della pelle”. Il real lifting? “È dato dai silicati, derivati dalla polvere minerale di silicio, che hanno un effetto tensore cosmetico, cioè superficiale, importante ed immediato con anche un finish opacizzante”. Per l’azione anti rughe ci si rivolge ancora una volta alla natura. Sempre più amati nella formulistica dello skincare sono i flavoni e isoflavoni contenuti in tutti i fiori molto colorati oppure anche l’estratto di Stella Alpina, purché ne sia ben controllata la raccolta. Dai nomi un po’ avveniristici le molecole più in voga nello skincare anti età del futuro. “Sono nomi un po’ strani come niacinamide, astaxantina, superossidodismutasi di cui si è dimostrata la capacità rimpolpante della pelle e quindi protagonisti nello skincare anti-age”, conclude Borellini.

LIFT ACTION / Filorga Lift-Designer Sérum ultra-liftant, Filorga Lift-Structure Crème ultra-liftante e Filorga Sleep&Lift Crème ultra-liftante nuit. Effetto tensore grazie a micro alghe incapsulate per un risultato lift immediato in sinergia al collagene marino e al fito-plasma di curcuma longa, booster della sintesi di collagene ed elastina, con in più l’estratto di segale che agisce sui fibroblasti.

AZIONE EMOLLIENTE / Clinique smart custom-repair eye treatment e Clinique smart custom-repair moisturizer. Mantengono il giusto livello di idratazione cutaneo grazie all’acido ialuronico frammentato e acidi grassi estratti da cetriolo, girasole e orzo.

CONTRO IL TEMPO / Helena Rubinstein Prodigy Reversis e Helena Rubinstein Prodigy Reversis Night. La formula specifica occhi elimina ogni segno di stanchezza grazie all’estratto di pungitopo che riattiva il microcircolo, mentre la crema-maschera agisce nelle ore notturne con una profonda azione antiossidante e rinforzante grazie all’acido lentopodico estratto dalla Stella Alpina e all’estratto di Loto Bianco, anti radicalico.