Sin dalla sua creazione, ben 91 anni fa, gli Academy Awards, meglio conosciuti come Oscars, hanno rappresentato il momento in cui le Star di Hollywood si mostrano in tutto il loro essere “divi”. Combattono tra loro in un campo da battaglia rosso fiammante a colpi di diamanti e pietre preziose, in una sfida in cui le armi si indossano e uno sguardo può uccidere. A fine serata c’è chi trionfa e verrà ricordato negli annali e chi invece soccomberà sotto le penne dei giornalisti. In questa strana edizione degli Oscar 2019, in cui nessuno si è preso carico dell’onere di fare da presentatore, le luci dei riflettori sono state abbagliate dall’enorme gemma al collo di Lady Gaga. La cantante, vincitrice nella categoria Miglior Canzone con il brano Shallow da A Star Is Born, indossava un collier di diamanti di Tiffany & Co il cui pezzo forte era per l’appunto questa pietra pendente da 128,54 carati, indossata già nel 1961 dall’eterna Audrey Hepburn in occasione del lancio di Colazione da Tiffany.

I gioielli di Tiffany però non sono stati gli unici a brillare sul red carpet: impossibile non notare i serpenti Bvlgari al collo di una mora Charlize Theron dalla schiena scoperta o il luccichio del vestito di Celine firmato Hedi Slimane indossato da Brie Larson. In questa battaglia combattuta a suon di lusso e diamanti, dove ogni cosa è lecita, ormai siamo abituati a vedere donne in frak o in tuxedo elegante come Elsie Fisher nel suo completo Thom Browne.

Difficile era immaginare il contrario; almeno fino a ieri sera, quando Billy Porter, star di Pose, ha deciso di lasciare tutti a bocca aperta indossando un abito da uomo con un’ampia gonna con strascico firmata Christian Sirano. Un manifesto per la libertà da migliaia di dollari.

Comments are closed.