Se ne parla ormai da tempo, e sempre di più. E non solamente tra gli addetti al settore. Perché sentir parlare di medicina estetica oggigiorno fa pensare a qualcosa di innovativo, di rivoluzionario, che possa finalmente cambiare l’aspetto o il corpo di una persona in modo rapido ed efficace. E sappiamo benissimo tutti quanti che al giorno d’oggi si aggiudica il trofeo chi riesce a rendere tutto questo possibile. Chi il “tutto e subito” riesce a trasformarlo in realtà. La medicina estetica in un certo senso porta a questo. Aiuta il “paziente” nella sua ricerca del benessere. E non necessariamente della bellezza. Follia? Non proprio. Perché paradossalmente chi oggi si rivolge alla medicina estetica non lo fa solamente per correggere l’eventuale inestetismo, ma anche e soprattutto per migliorare il proprio stato psicofisico.Per migliorare la qualità della propria vita, per avere una spinta emotiva. Si parte perciò dalle emozioni e si arriva dritti al punto. Come risolvere il problema? A fare le veci di quella che è a tutti gli effetti una branca medica, nata in Francia nel 1973 con il Dottor endocrinologo Jean Jacques Legrand, a Milano è Doctor Charme.

Un team di professionisti che operano in campo medico (dermatologi, endocrinologi, medici estetici, omeopati, nutrizionisti e chirurghi plastici), prendendosi cura della bellezza di viso e corpo attraverso tecnologie avanzate. Una tra queste è Kleresca®, un trattamento lampo per curare l’acne e per risolvere i danni da esso causati sul viso. Riducendo quindi l’infiammazione e ringiovanendo la pelle. In soli 9 minuti. Ecco perché lampo. Si tratta di una terapia innovativa specifica per il viso chiamata fotobiomodulazione che, ad oggi, dimostra di essere una delle poche e valide alternative alla terapia farmacologica. Non risulta perciò invasiva e non richiede alcun periodo di recupero. Il processo prevede l’applicazione iniziale sulla pelle del gel cromoforo che, una volta entrato in contatto con la luce blu prodotta dalla lampada brevettata multi-led, si trasforma in energia dinamica pronta a stimolare i meccanismi riparatori della cute. Grazie proprio alle sostanze cromofore contenute all’interno del gel che convertono le onde luminose in luce fluorescente e, come dicevamo, dinamica. Andando ad agire in modo profondo sulle ghiandole sebacee ipereccitate e sull’infiammazione cutanea. E, fondamentale, portando ad innescare il meccanismo di auto-difesa della pelle. Perché curare è importante, ma prevenire lo è ancora di più. Il consiglio della Dott.ssa Maria Rosa Gaviglio, dermatologa e medico estetico di Doctor Charme, è quello di sottoporsi però prima ad una visita dermatologica. Così da individuare il trattamento ideale per ogni persona. Le terapie consigliate per acne volgare e acne rosacea, sulla base dei risultati della visita specialistica sono: 1 seduta doppia due volte a settimana per 3 settimane oppure 2 sedute alla settimana per 6 settimane.

Comments are closed.