I nuovi Les Eaux de Parfums Singulières sono tanto affascinanti quanto la storia della sua maison, Le Couvent des Minimes. Nata nel 1614 in alta Provenza dalla passione di Louis Feuillée, botanico Reale alla Corte del Re di Francia Luigi XIV e ora general manager Laboratoires Svr Italia. Nonché globetrotter alla scoperta di specie vegetali rare e preziose. E proprio da una di queste speciali scoperte prende ispirazione la nuova collezione delle Eaux de Parfum Singulières. Ai ritratti di cinque animali incontrati nel corso della sua avventurosa vita. Nubica, “la sensualità della leonessa” Lysandra, “la grazia della farfalla”, Hattaï, “l’inafferrabilità della lupa”, Saiga, “l’eleganza dell’antilope”, Heliaca, la potenza dell’aquila. Cinque differenti racconti olfattivi uniti da un’unica base di partenza: l’origine naturale, per l’89%, e vegana per il 100%. E firmati dal grande maestro profumiere Jean-Claude Ellena, Direttore della Creazione Olfattiva di Le Couvent des Minimes.

E a raccontarle con magnificenza è proprio il naso francese, individuando cinque differenti tipologie di personalità Le Couvent des Minimes. La Sensualità è Nubica: “una fragranza ambrata e suadente che ribolle a fior di pelle”. Note di testa: Mandarino; Note di cuore: Patchouli; Note di fondo: Fava Tonka e Vaniglia
La Grazia è Lysandra: “l’eterea grazia di un profumo dalle spirali luminose”. Note di testa: Mandarino; Note di cuore: Gelsomino Grandiflorum; Note di fondo: Vétiver & Labdano
L’Inafferrabilità è Hattaï: “il fascino enigmatico di un profumo dalle sfaccettature cupe e misteriose”. Note di testa: Bacche Rosse; Note di cuore: Cacao; Note di fondo: Cannella & Legno d’Ambra
L’Eleganza è Saïga:“la raffinatezza e la delicatezza di una fragranza dalle note dolci e vellutate”. Note di testa: Gemma di Ribes Nero; Note di cuore: Rosa Centifolia; Note di fondo: Cedro
La Potenza è Heliaca: “la potenza affascinante di un profumo dalle note audaci ed esaltanti”. Note di testa: Zenzero; Note di cuore: Cardamomo; Note di fondo: Oud

photographer: Pietro Zara

Write A Comment