Era il 1979 quando, come una moderna Venere, nacque direttamente dal mare l’ispirazione per Aranha, il primo paio di sandali di Melissa. Le jelly shoes, letteralmente le scarpe di gelatina, diventarono presto un feticcio degli anni ’80. Ma non abbandonarono nemmeno nei decenni a seguire i piedi delle ragazze. Chi tra noi non ha indossato almeno una volta quelle colorate scarpine per camminare sugli scogli?  Sono passati quarant’anni da allora, ma proprio come la dea dell’amore, le calzature del brand brasiliano resistono alla prova del tempo. Rimanendo oggi belle ed eternamente giovani. Il merito va anche al materiale, l’unico, con cui Melissa produce i suoi modelli, il PVC.

Non solo sandaletti da scoglio. In quarant’anni di storia la collezione si è arricchita di pezzi iconici e preziose collaborazioni. Tutti in mostra a Casa Melissa, lo showroom in zona Tortona a Milano, lo scorso 25 ottobre per tre giorni di dj set, workshops e performance live. Nell’armadio della Casa e presto anche nelle boutique e online i cinque modelli che hanno fatto la storia del brand fino al traguardo degli “anta”. Tra questi ritroviamo Model, lanciato nel 1996 assieme a Claudia Schiffer, la suola arcobaleno di Star In Love e i futuristici Galaxia. Grandi classici ma anche tante novità, come la limited edition simbolo del quarantesimo anniversario, che richiama le origini del brand. La rete in PVC che dà la forma alla scarpa Alma e alla borsa Origem, ricorda quella usata per proteggere le damigiane di vino usate nei vigneti della proprietà familiare in Brasile. Queste reti, radicate nella storia di Melissa, sono state la fonte di ispirazione per le creazioni degli ultimi anni.

Dalle jelly shoes per la spiaggia a una produzione di oltre 50 milioni di paia di scarpe. È questo il frutto di quarant’anni di duro lavoro nella progettazione di calzature innovative e dal design accattivante. Fatte per durare nel tempo, grazie al PVC MelFlex, un materiale che oltre ad essere profumato, è anche vegano, composto da PVC precedentemente riciclato e a sua volta riciclabile.

Write A Comment