La Couche du Diable è l’ultima fragranza di Serge Lutens, novità autunnale molto calda e avvolgente a base di oud e labdano. Diventato ormai figura quasi pop, presente anche in molte serie tv di successo, il Diavolo è il protagonista di questa creazione olfattiva. “Come invitarsi all’incoronazione di Satana quando non si è ancora conosciuto il gusto del peccato?” è la domanda dietro alla fragranza. Pensato come un profumo sontuoso e demoniaco, Serge Lutens ha voluto creare un inferno in Terra sostituendo alle classiche fiamme un’eterna brace rovente. Ma come creare il calore? Con l’unione di due ingredienti che caratterizzano La Couche du Diable: l’oud e il labdano. Il primo, soprannominato “legno degli Dei”, è una particolare, ricercata e costosa resina scura e dall’aroma intenso, prodotta dall’Agarwood nel Sud-Est asiatico. Attraverso distillazione, si ottiene poi il pregiato olio di oud, che può arrivare a costare fino a 60 mila dollari al kg. Per molti l’odore di oud è “animalico” mentre per altri è affumicato e richiama il cuoio, è molto intenso, avvolgente e caldo e nelle epoche passate era considerato anche afrodisiaco.

Anche il labdano è una resina ma di origine mediterranea e ricavata da una pianta che sboccia soprattutto con il caldo; molto densa e leggermente liquorosa, questo ingrediente è ottenuto tramite estrazione e si sposa molto bene con note ambrate e cuoiate. In La Couche du Diable queste due note dialogano tra loro all’inizio della fragranza di Serge Lutens proprio per creare quella sensazione di calore ma anche di sensualità che richiama sempre l’inferno. Dietro a La Couche du Diable un monito del creatore: avere la capacità di far sempre emergere il bello anche nei momenti più difficili e oscuri, di riuscire a trasformare il momento più buio ne “la vie en rose”. Per questo accanto a oud e labdano anche con complesso fruttato e la rosa, ingredienti-simbolo di buon umore e rinascita.

Write A Comment