La J-Beauty trova ispirazione nell’antico artigianato giapponese e lo reinterpreta con uno stretto approccio alla scienza. È il nuovo e avveniristico make-up firmato Shiseido. La casa cosmetica nipponica ricrea interamente tutto il suo makeup e lancia una collezione colore di oltre 110 nuance. Collezione che esprime l’idea di J-Beauty, cioè Japanese Beauty, di Shiseido. Caratterizzata da altissima tecnologia che dà vita a texture polivalenti e borderline con lo skincare. Vengono così create quattro famiglie di texture contemporanee che parlano del futuro prossimo del makeup. Già realtà però per Shiseido. Consistenze che rispondono a tutte le esigenze per un viso perfettamente truccato, elemento fondamentale nel paese del Sol Levante. Per la J-Beauty infatti il viso struccato(“acqua e sapone” diremmo noi ad occidente) è un tabù, è essere “suppin”. Il viso senza trucco, quindi, non è vissuto come “naturale”, bensì come condizione di non perfezione. Shiseido risponde con una ampia gamma di finish dedicati ad ogni parte del viso. Consistenze che permettono anche un’applicazione rapida, on-the-go, grazie alla natura multiuso della maggior parte delle referenze. Ed è ancora nella tradizione sostenuta sempre dalla più avanzata ricerca che Shiseido identifica la natura delle quattro texture.

Si chiamano Dew, come “rugiada”, finish dedicato alla luminosità della pelle. Gel, che si ispira all’effetto seconda pelle dello skincare più evoluto. Powder dove le polveri sono traspiranti e modulabili. Infine Ink, come “inchiostro”, omaggio all’arte della calligrafia giapponese, lo Shodo, di cui rievoca la precisione. Ogni texture, inoltre, descrive più mondi del makeup in un percorso trasversale per offrire più scelta sensoriale. Ecco che il finish Dew è declinato in formule all-over.

I Gel sono dedicati alle labbra ma con una referenza ibrida da applicare pure sulle guance. Le Powder definiscono il mondo dei blush, ombretti e ancora delle labbra.

Infine gli Ink con i kajal, mascara, eye-liner, eye-brow e lip gloss. Non solo. Ogni texture, ogni colore è protetto in uno pack che diventa iconico, cifra dello stile Shiseido. Rievoca infatti l’antica e pregiatissima arte della laccatura, il Kanshitsu, vestendo ogni boîte con un segno netto rosso lacca. E se ogni flacone e pot diventa così subito riconoscibile, gli astucci delle polveri sono veri e propri scrigni. Ispirazione della loro foggia è infatti il sottile tessuto fukusa, usato nella cerimonia del tè. Oggetti d’arte, di design, veri tributi alla profonda cultura artigianale nipponica, non semplici custodie. Così come non soltanto makeup, ma colori dalle tecnologie all’avanguardia e risultato professionale. Infine una collezione di cinque pennelli ad elevata performance, ispirati sempre all’arte Shodo. Ideati e creati in collaborazione con Ochi, azienda leader per la creazione di pennelli sia per l’arte calligrafica che per il makeup. Know-how secolare e massima tecnologia si uniscono per creare pennelli dall’uso facile e dal risultato ottimale. È infatti la combinazione di differenti tipi di setole, la Hidden Core Technology, che crea strumenti dall’uso impeccabile. L’It-brush? Il Daiya Fude Face Duo! Su un lato il ciuffo sagomato a diamante regala un’applicazione senza difetti. Sull’altro una testina-blender in morbido gel permette la stesura delle formule liquide e cushion. In perfetto stile J-Beauty.

1 Comment

  1. Pingback: BLACK LABEL, ANCHE NEL BEAUTY!