Era il 1963 e sulle spiagge italiane risuonava la voce di Edoardo Vianello con la sua hit “A A Abbronzatissima, sotto i raggi del sole…”. Erano gli anni spensierati e prolifici del boom economico e dell’abbronzatura selvaggia conquistata a suon di birra, olio d’oliva e Nivea nella latta blu spalmate a piene mani su viso e corpo. Erano gli anni in cui nessuno (o quasi) era consapevole del ‘rischio melanoma’ da foto-esposizione e tanto meno si preoccupava di proteggere per bene la pelle dai raggi UV. Da allora molto è cambiato e oggi i concetti di ‘danno solare’, ‘prevenzione anti-UV’ e ‘SPF’ sono ormai noti ai più. Nel corso degli anni, anche le aziende cosmetiche hanno modificato la loro ‘way to do’, tanto che oggi affiancano alla ricerca di formule solari sempre più performanti in termini di prevenzione, protezione e riparazione dai danni da raggi UV,  l’impegno in difesa dell’ambiente attraverso nuovi cosmetici solari ecofriendly e sostenibili. Tra le pioniere della sostenibilità c’è ISDIN, che da diversi anni ha lanciato il programma Blue Wave per ridurre al minimo l’impatto dei filtri solari sull’ambiente, rendendoli biodegradabili. Grande attenzione per l’acqua dunque, fonte di vita e di benessere, acqua che è anche il cuore dei nuovi solari per il viso Fotoprotector Fusion Water spf 50+ e Fotoprotector Fusion Water Color spf 50+ (leggermente colorato): «I primi fotoprotettori a base d’acqua dalla texture ultraleggera che non bruciano agli occhi, si assorbono subito, opacizzano la pelle lasciandola setosa al tatto. Ideali come protezione quotidiana, sono indicati per tutti i tipi di pelle, da quella mista e grassa a quella sensibile e a tendenza atopica. Sono anche un’ottima base per il make up, perché la protezione va indossata tutto l’anno, anche in città», spiega Rosario Grosso, country head Isdin Italia. FotoUltra Age Repair Fusion Water spf 50, invece, pur essendo ultraleggero e a base d’acqua, è dedicato a chi cerca un solare che, mentre protegge dai raggi UVA e UVB, ripara i danni da fotoinvecchiamento a livello cellulare grazie ai DNA Repairsomes e al Collagen Booster Peptide, al Lipopeptide Q 10 e all’Acido Jaluronico. Fiore all’occhiello di ISDIN è l’innovativa Fotoprotector SunBrush Mineral Spf 30: ‘pennello cosmetico’ che distribuisce una texture ultraleggera in polvere con filtri 100% minerali e principi attivi anti-inquinamento, si applica con il pennello incorporato anche sopra il make up. È facile da stendere e da far scivolare in borsetta, grazie al suo formato pocket. And last but not least, gli esperti suggeriscono di proteggere la pelle dall’esterno con le creme solari e dall’interno facendo il pieno di sostanze antiossidanti specifiche. Principi attivi doc che ISDIN ha riunito nel suo integratore alimentare SunISDIN VitAox Ultra: ogni perla contiene una combinazione di minerali ed estratti di piante ricchi di antiossidanti (estratto di felce, tè verde, vitis vinifera), vitamina C, D ed E, beta carotene, licopene, luteina e selenio, in grado di preparare la pelle a ricevere i raggi del sole.

Ph: Fabrizio Scarpa

Comments are closed.