Il fondatore del brand ROOM 1015, Michael Partouche a.k.a. Dr. Mike, inizia la sua carriera come farmacista, ma presto si accorge che questo lavoro rappresenta per lui una condanna a noia eterna. Il medico con i capelli corvini e la pelle tatuata, inchiostrata con simboli di ribellione, fuggito dalla rigida disciplina della farmacia, si getta anima e corpo in ritmi ipnotici, melodie penetranti e assoli tortuosi del rock psichedelico. La chitarra è la sua salvezza. Diventato rocker di professione, Dr Mike si trasferisce a Londra per cinque anni, dove si fa le ossa in tour. Al rientro in Francia, decide di combinare le sue passioni, cercando la fragranza perfetta al crocevia tra skincare e musica. Ispirato dall’estetica di un rock radicale, in realtà violenta solo all’apparenza, affascinato dall’aura dell’odore impeccabile di celebrities e dalle luci del palco, Michael Partouche, per dare corpo alla sua immaginazione, ha scelto di creare fragranze a tutto volume. Trattare la ‘malattia dell’anonimato’ con potenti ‘pozioni profumate’, fasciare anime vacanti con profumi che presentano accordi perfetti, contrastando gli effetti del tempo che passa con tracce indelebili. Il marchio Room 1015 è ispirato al rock degli anni ’70.

Il nome stesso si riferisce alla famigerata stanza dell’hotel Continental Hyatt di Sunset Boulevard a Los Angeles, noto anche come il “Riot House”, tappa d’obbligo per essere ‘in’ in quegli anni. Gli anni ’70 sono stati un decennio di delirio totale per ogni gruppo rock che si rispetti e L.A. era una tappa inevitabile del viaggio. Le motociclette nei corridoi, Jim Morrison che penzolava da un balcone, le epiche battaglie di Keith Moon dei The Who o Keith Richards, il chitarrista dei Rolling Stones, che gettava fuori dalla finestra una televisione nel 1972…. Oggi, la camera 1015 rimane un luogo di contemplazione. La nostalgia di un’era di assoluta libertà, dove l’aria conserva ancora gli odori persistenti di amore, cuoio, pelliccia, alcool, una foglia di patchouli bruciata e passione. Per Hollyrose di Room 1015, fragranza unisex orientale floreale, in bilico tra romanticismo e decadenza, Dr. Mike si è ispirato alle groupies adolescenti che sono diventate delle vere star, secondarie soltanto alle rockstar che frequentavano. Anita Pallenberg, Bebe Buell, Pamela Des Barres sono state le muse e le regine dalle prodezze hollywoodiane del backstage attraverso le lenzuola accartocciate dei loro idoli, come Jimmy Page, Mick Jagger, Alice Cooper, Robert Plant, Iggy Pop. Un profumo in omaggio a queste donne straordinarie che hanno messo in ginocchio i più potenti uomini del rock ‘n’ roll, lasciando un profumo di pelle, notte e carezze nella loro scia. Per catturare questo ricordo Dr. Mike lavora con il profumiere Jerome Epinette per la prima volta. Hollyrose si apre con un accordo di pepe nero, che pizzica leggermente il naso, e bocciolo di ribes nero, verde e appiccicoso, che può sfiorare lo spiacevole; Epinette lo tiene a bada, ma ci sono momenti in cui potrebbe scoppiare. Le note di cuore sono olio di rosa e orchidea, trasportate in un guanto di pelle nera, finemente lavorata da note di patchouli che ricorda l’estetica hippie. Musica e Fragranze hanno tante cose in comune. Una su tutte? Le note. Ecco quelle di PAT DAM SMYTH per Hollyrose.

Write A Comment