Le hair extension sono una tecnica insospettabilmente molto diffusa. Via libera allora a quelle colorate dalle tinte pop, fluo per Halloween o una serata clubbing. Oppure naturali per un look bon ton. Le extension, però, a differenza delle parrucche, non hanno la funzione di creare un’acconciatura fittizia, ma di rinfoltire o di allungare i capelli già presenti. Ideali per simulare un tipo di acconciatura che normalmente non potrebbe essere realizzata con i propri capelli naturali. Super amate anche nello show biz da attrici, cantanti e personaggi dello spettacolo. Le extension si differenziano per le tecniche di fissaggio e per i materiali da cui sono composte. Se è sempre meglio optare per ciocche formate da capelli naturali, la scelta del fissaggio è più soggettiva. La più conosciuta e forse diffusa è attraverso la cheratina a cui si affiancano altri metodi. Dal microring, alle clip e alle extension adesive.

CHERATINA Le extension alla cheratina sono la scelta ideale per una tenuta impeccabile e duratura. La tecnica delle extension con cheratina hot fusion permette di applicarle in modo permanente ai capelli utilizzando una fonte di calore. Si tratta di una pratica che richiede l’intervento professionale, poiché la fase di applicazione può richiedere da 6 a 8 ore. Come funziona? Le extension vengono attaccate sui capelli veri utilizzando la cheratina, proteina impermeabile che, scaldata, si indurisce e fa da collante long lasting e waterproof. I capelli da applicare, già suddivisi in piccole ciocche, hanno alla loro estremità un punto di fissaggio, chiamato bonding. Le ciocche vengono saldate alla radice dei capelli naturali in maniera impercettibile. Si utilizza una sorta di pistola laser, che scalda i bonder, li ammorbidisce, fissando così le extension. Si tratta di un “intervento” che può durare fino a 6 mesi e l’effetto è molto convincente se i capelli delle extension sono naturali al 100%. È adatto per capelli grossi, forti e spessi, meno per i capelli fragili. Attenzione però! Le fonti di calore potrebbero danneggiare i fusti e le colle fissanti creare irritazioni e allergie alla cute. Le ciocche aggiunte, inoltre, potrebbero soffocare e indebolire i capelli per via del peso. Meno ossigenate, le lunghezze potrebbero diventare più fragili e tendere a spezzarsi più facilmente. Le tecnologie più all’avanguardia, invece, usano un nuovo polimero che si fissa con un macchinario a ultrasuoni che non danneggia il capello. Great Lengths ha studiato e brevettato un polimero proteico, costituito da cheratina sintetica che mima la struttura molecolare della cheratina naturale, capace di garantire un’applicazione semplice e veloce sia con il sistema a calore che con quello ad ultrasuoni. E per toglierle? Sempre dal parrucchiere, per la rimozione delle extension “a fonte di calore” è sufficiente utilizzare un po’ di solvente sull’estremità di cheratina e asportare delicatamente. Mentre la rimozione delle extension Great Lengths avviene con l’applicazione sulle ciocche di un gel specifico per rimuoverle poi con uno strumento studiato ad hoc.
MICRORING, BRASIALIANA E AFRICANA Le extension microring vengono applicate alla base dei capelli attraverso piccoli anellini. Garantiscono un risultato altrettanto naturale, oltre alla possibilità di rimuoverele in qualsiasi momento e senza l’aiuto del parrucchiere. Le pinze apposite permettono di appiattire l’asola di ciascuna ciocca di capelli in modo che l’extension rimanga saldamente attaccata per vari mesi. Le pinze saranno anche necessarie per allentare le asole al momento della rimozione delle ciocche. La tecnica detta brasiliana consiste nell’annodare le ciocche di extension a quelle di capelli veri. Il risultato di questa tecnica è apprezzabile, ma la durata nel tempo è limitata a circa 3 mesi. È un procedimento semplice dove non vengono utilizzate colle ma vengono fatti dei micro-nodi alla base di ogni ciocca che verrà poi fissata con un elastico specifico. Per rimuoverle basterà semplicemente sciogliere i nodi. La tecnica detta africana consiste nel creare delle treccine parallele con i propri capelli, a cui vengono letteralmente cucite con ago e filo le tessiture di extension. Questa tecnica è la più rapida in assoluto, ma l’effetto della ricrescita dei veri capelli risulta piuttosto evidente. La funzionalità di queste ultime, proprio come le extension microring, è quella di poterle riposizionare più volte anche ogni mese, man mano che i capelli crescono. La durata dipende da come sono state cucite e dalla manutenzione. In generale i capelli cuciti possono essere tenuti fino a che la ricrescita non diventa troppo impegnativa da gestire.
CLIP Le extension con clip sono ciocche di capelli da applicare ai capelli naturali con piccoli pettinini. Sono una soluzione pratica e al tempo stesso la più economica di tutte perché non richiede manodopera per il fissaggio. Non è permanente e permette di ottenere un allungamento temporaneo, visto che le clips devono essere tolte prima di andare a dormire. Caratteristica che le fa durare anche più di quelle permanenti. Inoltre ne esistono di diversi tipi: singole ciocche, miscele di tessiture cucite insieme, frange o code da fissare ai propri capelli con mollettoni.
ADESIVE Le extension adesive sono la soluzione più discreta e leggera per una settimana, un mese o per un periodo più lungo. Forniscono un collaggio forte e duraturo senza danneggiare i capelli. Con il nastro biadesivo sostitutivo, sarà possibile riutilizzare le extension per altre sei settimane. Molto in voga negli ultimi anni, le extension adesive permettono di ottenere un allungamento semi-permanente in meno tempo. Sono formate da una striscia adesiva resistente all’acqua a cui vengono fissati i capelli. Le extension adesive vanno applicate “a panino”: un adesivo va posizionato sotto la ciocca di capelli e l’altro sopra, in modo da chiudere i capelli tra i due adesivi, in un “panino” appunto. E al momento della sostituzione del nastro, non c’è bisogno di particolari expertise. Basta infatti rimuovere la colla mediante lo speciale solvente e in seguito applicare un pezzo di nastro adesivo sostitutivo.
ULTRA GLAM Arrivano invece da Balmain Hair Couture, due delle soluzioni extension non permanenti ultra glam, moderne e semplici da applicare, sono Hair Dress e Ponytail. Hair Dress è un vero e proprio abito per i capelli, la cui presenza è impercettibile, che si applica e si toglie in pochi secondi grazie a un filo trasparente e morbido da poggiare sulla testa. Ideale anche per le chiome più fragili e delicate. Le extension sono realizzate con il 100% Memory®Hair, un prodotto brevettato, ultra light e progettato per avere un aspetto uguale a quello dei capelli naturali. Così nonostante i capelli siano tantissimi, non ci si accorga di indossarli! La Catwalk Ponytail Dip Dye è invece una coda di cavallo di due lunghezze differenti mono-tinta o dalle punte colorate (effetto dip dye) che si applica in un click e rinnova in un sitante il look!

MANUTENZIONE E DURATA Per quanto riguarda la durata, molto dipende dalla manutenzione. La cura delle extension varia a seconda della loro natura, vera o artificiale. Se sono capelli finti, bisogna fare attenzione, specialmente alle fonti di calore come piastra o phon. Invece, le extension di capelli veri di buona qualità possono essere trattate come capelli normali, tenendo conto che i capelli lunghi hanno sempre bisogno di una particolare cura e attenzione. Lavarle subito dopo l’acquisto aiuterà a capire quale sarà la reazione del capello ed il risultato finale nei prossimi lavaggi. Bene gli shampoo dalle formulazioni ultra delicate e non schiumogeni da usare un paio di volte alla settimana per non stressare ciocche e cuoio capelluto. Durante il lavaggio, per non aggrovigliare le extension, è bene non frizionare e prestare particolare attenzione alle cuciture che vanno manovrate con cura. Dopo il risciacquo, meticoloso, perfetto tamponare i capelli con l’asciugamano dall’alto verso il basso, sempre senza frizionare. Infine, dopo aver tamponato le lunghezze, elimina l’umidità residua con l’asciugacapelli a una temperatura media e procedi prima le radici e poi gli agganci, assicurandoti che siano completamente asciutti. Quindi il resto della chioma. Attenzione! I nodi sono nemici giurati delle extension! Con cautela, spazzola quotidianamente i capelli, partendo sempre dalle punte e procedendo poi verso l’alto. Con una mano sostieni il punto in cui le ciocche posticce sono state applicate. Così l’aggancio no sarà stressato dal brushing. Cosa usare? Ottimi i pettini con denti larghi che minimizzano gli strappi. Alleati perfetti anche per i capelli ricci o molto mossi che vanno pettinati da bagnati. Un’astuzia in più. Non dimenticare di fare maschere nutrienti anche alle extension. Non essendo a contatto con il sebo e quindi naturalmente idratate, vanno nutrite attraverso impacchi settimanali con una durata minima di venti minuti.

Comments are closed.