“Dopo la donna, i fiori sono le creazioni più divine”. Così disse Christian Dior e a loro rende ora omaggio la maison con la nuova collezione di rossetti Rouge Dior Ultra Care. Si presentano come i primi rossetti a lunga tenuta con olio floreale ad azione cosmetica. La loro formula difatti si compone da olio di camelina e olio di mandorla dolce. Entrambi 100% di origine naturale, e ricchi di acidi grassi essenziali per nutrire le labbra in profondità. Dalla medesima azione il “derivato” dell’olio di jojoba, presente in questa formula con doppia concentrazione rispetto a quella di Rouge Dior Ultra Rouge. Questi preziosi ingredienti, associati al burro di karité, rimangono inalterati grazie al processo di lavorazione a freddo.

Rouge Dior Ultra Care si presenta quindi come il beauty-trattamento ideale per proteggere e al tempo stesso sublimare le labbra. Dal finish mat-luminoso e con la medesima scorrevolezza di Rouge Dior Ultra Rouge, i nuovi rossetti di Dior sfoggiano nuance delicate come quelle dei fiori, per l’appunto. “Ho voluto riflettere l’azione cosmetica di questa formulazione in una palette più dolce, che va dalle tonalità più semplici ai rossi più intensi”, spiega il direttore creativo e dell’immagine del Make-Up di Dior Peter Philips.

Ma delicata è soprattutto la sua formula: quasi come una mousse vellutata, ottenuta grazie ad una tecnica di miscelazione simile a quella adoperata per la panna montata. Delicata come un petalo e con una tenuta fino a 12 ore, questa formula-trattamento si differenzia, poi, per via di un dettaglio sofisticato ed evidente all’apertura del packaging: le iniziali CD bianche posizionate sulla punta dello stick. Ma non solo. A rendere ancora più “alluring” Rouge Dior Ultra Care è il suo applicatore a forma, of course, di petalo. Micro-floccato, per offrire una sensazione di morbidezza, e dotato di mini-serbatoio per erogare la giusta dose di prodotto. A dare il tocco finale, poi, un formato ancora più concentrato, per essere pratico e indispensabile in ogni occasione.

Write A Comment