L’Artisan Parfumeur più che un marchio è uno stile da indossare come una seconda pelle. L’Artisan Parfumeur, brand francese di profumeria di altissima qualità, fondata nel 1976 da Jean Laporte, ha sede a Parigi e, valendosi della collaborazione di “nasi” di grande talento, è specializzata in che sono vere e proprie opere d’arte. La prima boutique aprì in rue de Grenelle nel 1979 e da allora è stato un continuo espandersi alla conquista dell’Europa e di nuove profumate combinazioni fino all’acquisizione nel 2015 da parte del gruppo iberico Puig, proprietario anche di marchi come Carolina Herrera, Nina Ricci, Paco Rabanne e Jean Paul Gaultier. Massima libertà creativa con radici che affondano nel cuore della tradizione hanno generato successi quali Mure et Musc, Premier Figuier, Mimosa pour Moi, Ambre e tanti altri. Fin dalla sua nascita la maison L’Artisan Parfumeur compone profumi atipici che nascono dalla natura e sono caratterizzate da note dominanti che si ispirano ai grandi Temi Olfattivi Naturali: fiori, frutti, piante e spezie. Per produrli vengono utilizzati i migliori ingredienti naturali ed estratti di erbe che conferiscono loro un aroma molto interessante, lasciando libero sfogo all’immaginazione dei profumieri. L’Artisan Parfumeur è anche una marca in continua evoluzione, che preferisce lanciare le tendenze piuttosto che seguirle. Tra i più recenti cambiamenti, il ripackaging di tutte le fragranze con dei nuovi flaconi e tappi a sette facce: un design forte per un’identità rinforzata. Oggi la collezione è arricchita da due nuove colonie create dai profumieri francesi Anne Flipo della casa essenziera IFF e Evelyne Boulanger di Symrise. Due composizioni ariose sono il risultato di passeggiate soleggiate attraverso un campo.

Comments are closed.