L’università di bellezza e il fattore vitamina C

di Cristina Minelle

All’università della bellezza c’è un nuovo corso a cui iscriversi e che fa il pieno di presenze: il ‘FATTORE C’. Tra astucci che sembrano beauty case, ombretti di velluto e candele da museo, nell’Aula Magna si respirano note austere e si insegna cosmetologia. Quello che non sanno, le tante studentesse dotate di clutch-libreria, è che il famigerato fattore c, non è solo una questione di fortuna ma di un’esperta scelta beauty, chiamata vitamina C.

La vitamina C, è da sempre in prima linea nella dura battaglia anti-radicalica, è capace di ‘spegnere’ i radicali liberi passando da una forma ridotta a una ossidata. È un sistema non-enzimatico abile nelle sinergie chimiche con le vitamine A ed E, superando così l’esame anti-age con 30 e lode.

Come nella vita, anche nella scienza, l’unione fa la forza e sui banchi, coffret-libri contengono antidoti fonti di energia e vitalità come le fiale Vitamin Plus dell’azienda Olosâ .Polveri anidre da miscelare a creme, sieri e fluidi per potenziarne gli effetti. Quando scende la notte, poi, le fughe in biblioteche per rubare qualche nuovo prodotto dal reparto proibito, regalano brutte occhiaie e un volto po’ troppo secchione. Il caffè non basta per svegliare la pelle, servono i consigli del Manuale del Cosmetologo: una maschera peel-off rivitalizzante agli estratti di alghe, effetto pelle nuova, di Bioline Jatò e il Sérum Perfecteur Yeux Vitamine C di Resultime, arricchito di Provitamina B5 e PP. I segni di stress svaniscono ed è subito il tuo brilliant day.

Nei laboratori belle scienziate formulano creme intelligenti, agitano provette in cui fisica e natura si incontrano, la vitamina C punta in alto, ai geni dell’eternità… due sono gli imprevisti a cui le chemical ladies cercano di far fronte l’ossidazione e la glicazione. La prima, pensiamo a come il colore di una mela tagliata si altera a contatto con l’ossigeno, così la nostra pelle invecchia accumulando radicali liberi. La glicazione, invece, basta un pezzo di pane per rendere l’idea, la crosta si indurisce, diventa fragile a causa delle reazioni tra gli zuccheri e le proteine, così la cute subisce lo stesso processo!

Abracadraba, un incantesimo beauty è quello che ci vuole e nei cosmetici De-OX C scorrono fiumi di magia. Due linee: ESSENTIAL composta da siero e crema ESSENTIAL C per un trattamento quotidiano di prevenzione, texture fresca e profumazione agrumata; ADVANCED quattro scelte high-tech che aiutano la pelle nel suo processo di difesa naturale. Il SIERO BOOSTER POWER C, la CREMA RADICAL CAPTURE, la CREMA CORREZIONE INTENSA, la CREMA OCCHI/LABBRA CORREZIONE INTENSA.

Ma se la strega che c’è in loro non fosse ancora soddisfatta, si invoca il Dr. Sebagh, noto come ‘dottore delle meraviglie’ che ha personalizzato l’uso della vitamina C. Pure Vitamin C Powder Cream, infatti, è un’emulsione in polvere con concentrazione al 20%, formula stabilizzata e micronizzata che permette l’associazione dosata a qualsiasi crema o siero per viso e corpo. Un gran potere protetto da brevetto e racchiuso in sole 5 prodigiose ampolle!

L’estate, quando si studia, sembra sempre lontana ma per le studentesse dell’università della bellezza, basta una stregoneria per allontanare nuvole e imperfezioni cromatiche dalla pelle! 2-3 dosi di C-BRIGHT ™ sulla cute pulita e asciutta mattina e sera subito dopo la detersione o lo scrub e la luce torna sul viso…Chi insegna tutto questo è il Dr. Zein Obagi  dermatologo e inventore della scienza e della salute della pelle rivelata nel suo libro, un must da avere tra i libri di scienza! https://www.crcpress.com/The-Art-of-Skin-Health-Restoration-a

Anche Clinique ha progettato un nuovo sistema antietà che sfrutta il potere della Vitamina C pura per uniformare, rivitalizzare la pelle e regalare un aspetto più giovane. Grazie ad uno speciale packaging che isola la Vitamina C pura fino alla sua attivazione, preservandone la freschezza e l’efficacia, con i primi risultati visibili dopo soli sette giorni.

Rimane una domanda, quindi, cosa aspettate a iscrivervi anche voi al FATTORE C? Ricordate però, da brave universitarie di non dimenticare, la vostra fantastica bacchetta per scrivere e lanciare formule, mescolare becher e all’occorrenza ritoccare l’eyeliner. Magiche e romantiche si ma anche pratiche quando serve!

You may also like