Unskilled Worker & Gucci

Di Arianna Chierici

Gucci annuncia una speciale collaborazione con l’artista nota come “Unskilled Worker”. Una capsule collection esclusiva che comprende 40 elementi fra capi di abbigliamento, scarpe, borse, articoli in seta e accessori su cui sono raffigurate le opere della talentuosa artista britannica. Ritratti e motivi floreali prodotti dall’artista, tutti nel suo caratteristico stile naïf ed espressivo. Queste opere rivelano uno spirito arguto e giocoso che si addice perfettamente al romanticismo contemporaneo ed eclettico della Maison. La collaborazione fra Alessandro Michele e Unskilled Worker prevede una gamma di articoli che saranno disponibili solamente online a partire dall’11 ottobre. La capsule collection comprende borse a spalla GG Marmont stampate, pantofole Princetown e sneaker Ace, borse shopping con manici in bambù, abiti in tessuto stampato, camicette e gonne in seta, top lavorati a maglia con patch, cardigan, gonne in denim e jeans, t-shirt, felpe, un bomber, oltre a foulard e scialli con le illustrazioni di Unskilled Worker. Il rapporto fra Gucci e Unskilled Worker, pseudonimo di Helen Downie, risale al 2015, quando il Direttore Creativo Alessandro Michele scopre le sue opere su Instagram e la invita a partecipare ad una mostra a Shanghai. La mostra di Gucci No Longer / Not Yet apre i battenti nell’ottobre 2015 al Minsheng Art Museum di Shanghai. Da allora il legame dell’artista con la Maison è diventato sempre più stretto, e questa nuova collaborazione dal carattere innovativo ne è l’espressione.

Per celebrare ulteriormente questa collaborazione, Unskilled Worker ha dipinto un’opera esclusiva e l’ha generosamente messa a disposizione del pubblico, che potrà scaricarla gratuitamente dal sito Gucci.com e da Unskilled Worker.co.uk a partire dall’11 ottobre.
Hashtag: #unskilledworker

Foto 1,3,4: courtesy of Gucci – Shot by Clara Balzary
Foto 2:
Ready for the Palais – by Unskilled Worker
Foto 5: Put a Ring on It – by Unskilled Worker

 

SOS occhiaie: i 3 rimedi di Benefit Cosmetics

Di Valentina Uzzo – gif Mike P. Baker

Stress, stanchezza, cattiva alimentazione, genetica, ma non solo. Sono tanti i motivi per cui ad ogni donna possono venire le occhiaie. Coprirle rendendo il viso perfettamente riposato è un vero e proprio gioco da ragazzi. Lo sa bene Benefit Cosmetics, che dal 1976 propone una serie di prodotti innovativi, ma al tempo stesso divertenti e irriverenti. E la nuova linea di correttori Boi-ng Concealers ne è l’ennesima dimostrazione. Si presenta come la risposta corretta per ogni tipo di occhiaie, dal nuovo look e dai nuovi nomi. “Benefit Boi-ng Airbrush Concealer”, waterproof e dalla copertura medio-leggera, corregge e ritocca imperfezioni, rughette e occhiaie per una tenuta fino a 10 ore. “Boi-ng Brightening Concealer” illumina sguarda stanchi, spenti e corregge le discromie con una copertura intensa. Un vero e proprio correttore dalla forza industriale “Boi-ng Industrial Strenght Concealer”: qui la performance è ai massimi livelli andando a coprire occhiaie intense e imperfezioni.

 

Il lato femminile di AWA E AQUAFLOR FIRENZE

di Linda Cacciavillani

In giorni in cui la lotta per il riconoscimento della parità dei sessi è uno dei temi più discussi e il femminismo viene celebrato in politica come sulle passerelle, un’iniziativa come quella di Aquaflor Firenze a Awa (Advancing Women Artists) non può passare inosservata. Awa, un’associazione fondata dall’americana Jane Fortune nel 2009, si occupa di riportare alla luce le opere di donne che dal Rinascimento al XX secolo hanno espresso il loro genio artistico a Firenze, artiste che proprio per la loro condizione di donna non sono mai riuscite ad emergere e ad essere riconosciute. Affascinata dal potenziale di queste donne artiste, ha fatto del far risorgere le loro opere la sua missione: “Invisible Women”, il libro scritto da Jane e dedicato alle artiste ancora nell’ombra è stato ispirazione di un film documentario vincitore di un Emmy nel 2013. I membri di Awa, una fondazione tutta al femminile, si dedicano infatti alle attività di ricerca, restauro, divulgazione e pubblicazione delle opere di queste artiste “invisibili”, dimenticate, i quali lavori adornano la città di Firenze ma che sono stati per anni trascurati e che necessitano urgentemente di cure per essere salvati dall’oblio. Ad oggi la fondazione ha restaurato 48 opere in alcuni dei luoghi simbolici di Firenze come la Galleria dell’Accademia, Santa Croce, Santa Maria Novella, il Cenacolo di San Salvi e opere esposte in importanti mostre fra cui quella agli Uffizi su Plautilla Nelli, a cui si deve l’opera monumentale più grande mai dipinta da una donna. Affascinata da Aquaflor, un laboratorio e atelier specializzato in fragranze su misura che incarna la tradizione secolare di Firenze, città culla dell’arte del profumo, Jane decide di avviare una collaborazione e creare una fragranza che celebri queste artiste dimenticate.

Nasce così Invisible, una fragranza raffinata e preziosa composta dal parfumeur Sileno Cheloni caratterizzata da un blend di note femminili fiorite, talcate e di violetta accostate alla rara nota dell’osmanto, e da un sorprendente finale di tabacco. Invisible vuole omaggiare la femminilità e l’arte, il genio femminile, e la sua composizione è misteriosa e affascinante come le opere che Awa si impegna a restituire a Firenze nel loro antico splendore. Con Invisible l’arte diventa profumo: i proventi della sua vendita andranno a sostenere le attività di Awa.

SPA Metropole Montecarlo by Givenchy

di Anna Maria Negri

È uno degli indirizzi più prestigiosi di Monaco. Un hotel di lusso che sembra appartenere a un’altra era, un rifugio sontuoso lontano dal trambusto ma nel cuore del Principato. Situato nel Carré d’Or che si affaccia sul Mediterraneo, l‘Hotel Metropole Montecarlo ha un’atmosfera unica, ricca di storia e anima. Il palazzo fu costruito nel 1889 nel più puro stile Belle Epoque. E’ stato completamente rinnovato nel 2004 sotto la direzione del designer francese Jacques Garcia, che ha saputo conservare il suo fascino mediterraneo. Dalle 126 camere e suites, ai ristoranti e alla piscina..tutto l’Hotel Metropole è dedicato ai piaceri della vita, come in un’oasi di lusso e benessere fuori dal tempo e dal caos quotidiani. I tre ristoranti gestiti da Joël Robuchon rappresentano tre esperienze gastronomiche uniche. Con due stelle Michelin, il ristorante Joël Robuchon Monte Carlo offre un menù raffinato con sapori mediterranei, mentre Yoshi, l’unico ristorante giapponese a livello mondiale che vanta una stella Michelin, serve ricostruzioni brillanti della cucina tradizionale giapponese. Il terzo ristorante dell’hotel, Odyssey, riflette le visioni combinate di Joël Robuchon e Karl Lagerfeld, con piatti leggeri stagionali da gustare dalla piscina in uno spazio progettato dal couturier stesso.

È giusto dire che grazie ad un’autentica ricerca di perfezione, l’Hotel Metropole Monte-Carlo offre ai suoi ospiti il meglio del design, della gastronomia e del benessere. Ecco perché la Maison Givenchy ha deciso di aprire qui una SPA e un centro termale, appositamente progettato per questo hotel speciale. Progettata da Didier Gomez, riflette la ricerca e la modernità della Maison, fino al minimo dettaglio: linee pulite e materiali nobili. L’ingresso si intona perfettamente alle finiture marmoree e alle proporzioni minimali sottolineate da audaci linee nere laccate. Materiali contemporanei si fondono con una parete vegetale digitale, un inaspettato incontro con la natura è accentuato da un sottile gioco di luce, creando un’atmosfera vibrante e intima che dona una sensazione di grande serenità. Tutte le dieci sale di trattamento sono decorate sui toni del bianco, con muri rifiniti a sbalzo, per rievocare i pizzi degli abiti Haute Couture. Tra queste vi sono anche una suite doppia e una singola, dotate di sala da bagno e hammam privato. Per un tocco di lussuosa personalizzazione, gli ospiti possono scegliere un profumo per accompagnarli per tutta la loro esperienza, spruzzato su un tessuto nella tasca dell’ accappatoio o sul tavolo da massaggio.

Continue Reading

Ballo in maschera

di Anna Maria Negri – Polaroids di Gautier Pellegrin

No, non stiamo parlando della celebre opera di Giuseppe Verdi. Piuttosto dell’abitudine delle ragazze di tutto il mondo che si preparano insieme per uscire la sera! Oggi la nuova beauty routine prevede senza ombra di dubbio la maschera di bellezza. Ce n’è per tutti i gusti e per tutti i tipi di pelle, da usare anche in combo per le diverse parti del viso. Spesso la preparazione in compagnia dell’amica del cuore è più divertente della serata stessa, una volta superato il tormentone del “non ho niente da mettermi”.

Foto #1: per un effetto a tutta freschezza c’è la maschera Kocostar Cucumber Sliced Mask, che simula l’effetto delle tradizionali fette di cetriolo. Irresistibile! Combinatela con Dragon’s Blood Lip Masks di Rodial, maschere in biocellulosa per labbra che donano un aspetto vellutato e un tocco di volume.
Morbido cappotto effetto peluche Fendi – Lupetto in maglia fina Missoni

Foto #2: per purificare la pelle del naso, un patch di Sephora Collection anti-punti neri, arricchito in estratto di carbone assorbente ed esfoliante, che permette di ritrovare una pelle più pulita in soli 15 minuti. Si scrive 3INA ma si legge Mina. È un nuovo beauty-brand fondato da Pablo Rivera e Mark Eve, che propone 450 prodotti in sei categorie: eyes, lips, face, skincare, nails e tools. Bellissime le loro maschere, soprattutto le patch per il contorno occhi, infuse con un estratto d’oro dalle proprietà idratanti e con l’estratto di rosa che smorza le irritazioni e aiuta la rigenerazione della pelle. E se la vostra amica è una di quelle non smettono mai di parlare consigliatele The Lip Mask by 3INA, per labbra perfettamente idratate e silenziose!
Avvolgente pelliccia dalle sfumature caffè con collo a contrasto N°21

Foto #3: nell’universo del Made in Korea, Skin 79 si distingue per le sue maschere in cotone anatomiche con disegni di animali, divertenti, facili da usare e dai pack irresistibili. Si possono acquistare in esclusiva online sul sito di sephora.it.

Polaroids: Gautier Pellegrin
Art Director: Andrea Bettoni
Styling: Sabrina Mellace
Stylist Assistant: Martina Antinori
Make-up: Anna Maria Negri using MAC Cosmetics
Hair: Elisa Rampi

Girl of Now by Elie Saab

di Anna Maria Negri

Una scia inafferrabile e seducente. Un elisir unico, che esalta tutte le sfaccettature della mandorla. Una sfida all’altezza di Sophie Labbé e Dominique Ropion, parfumeur prodige della maison IFF, che hanno immaginato per Girl of Now un’impronta ammaliante, avvolta nella firma olfattiva di ELIE SAAB: l’irresistibile accordo di fiore d’arancio e patchouli.

Come i ricami che ornano le creazioni più belle del couturier, la pera e il mandarino apportano luminosità e aprono le note di testa della fragranza. La nota del pistacchio, ispirata al Libano, rafforza il fragrante aroma della mandorla amara. Ma la novità fondamentale è la creazione di una nota olfattiva assolutamente originale, creata in esclusiva per Girl of Now: il fiore d’ormond. Finemente realizzato come un abito di alta moda, svela gradualmente le sue golose e preziose sfaccettature grazie a un esclusivo co-distillato: l’assoluta di fiore d’arancio ed essenza di mandorla amara. L’assoluta di fiore d’arancio, particolarmente amata dal couturier, si distingue per la sua luminosità e, quando distillata con l’essenza di mandorla amara, si veste di una nuova sensualità.

Bamboo Bag, un intramontabile contemporaneo

di Sabrina Mellace – gif Arianna Chierici

Era il 1954 quando per la prima volta la Bamboo Bag, firmata Gucci, esordì al cinema al braccio di Ingrid Bergman, in una pellicola di Rossellini “Viaggio in Italia” e successivamente da Vanessa Redgrave nel celebre film di Michelangelo Antonioni “Blow Up” del 1966. Accessorio delle celebrities per eccellenza, la borsa con il manico in bambù fu consacrata a icona di stile, diventando oggetto del desiderio di migliaia di donne grazie alla sua onnipresenza sotto le luci del jet-set. Erano gli anni del dopoguerra, anni in cui la gente aveva ancora bisogno di sperare e di immaginare mondi lontani e floridi: nella caratteristica distintiva della Bamboo bag, le donne trovarono un po’ di speranza in questo accessorio di lusso, quasi esotico. L’uso del bambù infatti fu pensato da Guccio Gucci e, date le origini orientali di questo legno, la borsa della maison divenne l’accessorio più esotico disponibile sul mercato. Oggi come allora una piccola rivoluzione/evoluzione è in atto: la stessa tecnica sviluppata oltre mezzo secolo fa viene utilizzata ancora oggi per scaldare e piegare il materiale. Ciò che nel passato rappresentò una soluzione pratica e innovativa a un problema nato da un’esigenza storica, si è ora trasformato in un elemento stilistico distintivo della Maison.

Il manico che contraddistingue tutti i nuovi modelli della collezione è un dettaglio che il direttore creativo Alessandro Michele non vede solo come riferimento alla ricca tradizione dell’azienda fiorentina, ma anche come tratto distintivo che incarna alla perfezione l’eclettismo dell’attuale estetica di Gucci. La collezione trae ispirazione dal modello Bamboo Classic, che riceve un trattamento speciale nelle versioni in pelle, oggi caratterizzate da una cornice stampata oro. La Classic è prodotta in pelle in tre diverse varianti di colore (rosso, bianco e nero) e in pellami esotici, come coccodrillo e struzzo. Un classico tra i classici, una vera e propria icona tra le borse che hanno segnato la storia del costume e della moda. Alessandro Michele ha conferito il suo tocco personale a questo oggetto – espressione della tradizione stilistica di Gucci – aggiungendo una tracolla con nastro Web e inserendo una versione tascabile di Juvenilia di Jane Austen con copertina a fiori in ogni borsa.

L’idea di accludere alle borse un libro si rifà ad una pratica in uso all’inizio del secolo scorso, quando le donne leggevano libri sui mezzi pubblici per evitare di essere disturbate da gentiluomini mentre viaggiavano da sole. Il passato torna con grande forza e passione: un nuovo must davvero desiderabile!

LA BELLEZZA DEI CAPELLI HAIRMED

di Anna Maria Negri

La bellezza dei capelli è frutto di attenzione e cura quotidiana da rivolgere sia alle lunghezze, sempre esposte all’azione di agenti aggressivi e prive di capacità di auto-rigenerarsi, sia al cuoio capelluto, strato in cui il capello nasce e si sviluppa più o meno vigoroso e sano.

Il mondo HAIRMED è un sistema completo di prodotti per capelli che nasce da un’interpretazione personale e soggettiva del concetto di bellezza. Ci sono somiglianze, ma non uguaglianze: ogni persona è originale ed unica, quindi merita un’attenzione speciale anche quando si tratta di capelli! Ecco perché HAIRMED propone prodotti “su misura”, trattando differentemente e delicatamente i capelli e il cuoio capelluto di ciascuno.

Il sistema benessere HAIRMED lavora con soluzioni specifiche per la cute e per i capelli secondo un metodo in 3 fasi.
Dermopurificazione profonda della cute. Il massaggio con i dermopurificanti, ricchi di oli essenziali ed estratti vegetali specifici con azione detossinante e purificante, elimina le impurità e promuove la formazione e la crescita di capelli sani e forti.
Detersione delicata e specifica del capello. I bagni eudermici detergono delicatamente con basi lavanti da fonti vegetali e con ingredienti cosmetici specifici integrano e nutrono la struttura dei capelli, in funzione delle diverse carenze. I capelli diventano così morbidi e luminosi.
Nutrizione e integrazione della cute e dei capelli. I nutritivi e le lozioni apportano gli ingredienti essenziali al fabbisogno delle strutture cheratiniche del capello e all’equilibrio idrolipidico della cute.

Da sempre per uno sviluppo sostenibile nel rispetto del pianeta, tutti i prodotti Hairmed sono SLES e paraben free, non testati sugli animali e confezionati con materiali riciclati .

 MY BURBERRY BLUSH

di Anna Maria Negri

Burberry lancia My Burberry Blush, la nuova Eau de Parfum fruttata e floreale, ispirata a un giardino londinese alle prime luci dell’alba, quando i fiori si schiudono con una sferzata di energia. Si apre con note di melagrana glassata e con la vivacità del limone. I delicati sentori di petalo di rosa sono esaltati dalla mela croccante, mentre l’accordo finale di gelsomino e glicine ammorbidisce il profumo. La bottiglia è animata da una sofisticata colorazione rosa ultra-femminile che riflette il carattere fiducioso e spirituale del nuovo profumo. Il tappo effetto corno in una sfumatura chiara è ispirato ai bottoni del trenchcoat Burberry, mentre il fiocco in gabardine annodato a mano attorno al collo della boccetta celebra il tessuto resistente alle intemperie ideato da Thomas Burberry oltre cento anni fa.

La collezione My Burberry comprende 4 fragranze, ognuna delle quali è stata creata dal profumiere Francis Kurkdjian e dal Chief Creative Officer di Burberry, Christopher Bailey. Così dopo il lancio di My Burberry  Eau de Parfum , My Burberry Eau de Toilette e  My Burberry Black Parfum, My Burberry Blush è il nuovo componente della famiglia My Burberry con il suo carattere giocoso e spigliato, la fragranza luminosa e fresca trasmette una sensazione di energia. Come per i suoi predecessori, sarà possibile personalizzare il flacone da 90 ml di My Burberry Blush con un massimo di tre iniziali grazie al servizio monogrammi, disponibile su burberry.com, presso le boutique Burberry e La Rinascente di Piazza Duomo a Milano.

Complementari alla nuova fragranza, la Blush Collection presenta dei prodotti make-up nelle tradizionali tonalità Burberry e una palette in edizione limitata dal design unico che riprende i tessuti e le stampe della nuova collezione Bestiario Burberry. Il fard in polvere, ultra fine e leggero, conferisce alla guance un tocco di colore radioso e naturale, perfetto per tutte le tonalità di pelle. Facile da applicare, scorre sulla pelle e può essere modulato a piacere per ottenere l’intensità desiderata. Per il trucco degli occhi Complete Eye Palette, un set di ombretti a quattro tonalità con una base illuminante, due colori modulabili per aggiungere definizione e un ombretto più scuro per conferire intensità allo sguardo, da abbinare al nuovo mascara volumizzante Burberry Cat Lashes nella tonalità Chestnut Brown No.02 che apre lo sguardo per un effetto occhi di gatto. Per le labbra Liquid Lip Velvet , un rossetto mat dalla texture cremosa e dal colore intenso per un risultato deciso, dalla formula innovativa che presenta pigmenti intensi per un look che dura fino a 8 ore con una semplice applicazione. Lascia le labbra piacevolmente morbide e idratate, evitando che il colore si sbiadisca o si screpoli.

Karl Lagerfeld, Limited Edition Style

di Sabrina Mellace

Karl Lagerfeld presenta la sua esclusiva “Limited Edition Style” nove capi pensati singolarmente ma nello spirito di parlare il linguaggio del black and white, tratto distintivo del designer. Ogni pezzo è accompagnato dalla stampa di uno sketch originale ideato da Moncieur Lagerfeld realizzato con tecniche inaspettate, usando oltre ai pastelli a cera e le matite colorate anche gli ombretti e i colori tipici per il makeup. Un vero pezzo d’artista!

Punto di partenza della capsule collection è il popeline di cotone bianco. Quattro modelli di camicie che rimandano immediatamente all’immaginario Lagerfeldiano: uno stile unico ed eclettico sia nella scelta delle forme, voluminose ed eleganti, sia nella minuziosa definizione dei dettagli. Colli che sembrano gorgiere, polsini oversize e fiocchi rimovibili. Ma nella visione del designer il cui credo è “masculine-meets-feminine” non potevano mancare i pezzi identificativi delle proprie collezioni ovvero i tuxedo e le giacche smoking total black.

La capsule collection è già disponibile in tutte le boutique monomarca e on line su karl.com.

LO SKINCARE GREEN DI ORIGINS

I prodotti di skincare di Estée Lauder Companies Italia si ampliano: finalmente arriva nel nostro paese il brand ORIGINS, il cui motto è “Never Stop Discovering”, connubio perfetto di natura e scienza, e sarà distribuito in esclusiva da Sephora. Origins, fondato da William P. Lauder e lanciato nel 1990 negli USA, è stato il primo Prestige Natural Skincare Brand e la sua missione è quella di creare prodotti di efficacia elevata per la cura della pelle, formulati esclusivamente con piante, ingredienti biologici e olii essenziali naturali al 100%. Origins crede in un approccio olistico alla bellezza, il cui focus è il benessere di mente, corpo e anima: texture e aromi influiscono sull’umore e coccolano mente e corpo attraverso i sensi dell’olfatto e del tatto.

Sono molte le donne italiane che, per abitudini e approccio al mondo della bellezza, hanno una profonda consapevolezza dei prodotti green e ancora di più del rispetto dell’ambiente, e il segmento più numeroso è costituito da donne che vogliono essere “naturalmente belle per come sono”. In particolare le millennials sono sempre alla ricerca di prodotti che rispettino il benessere personale e soprattutto quello del pianeta. È evidente, dunque, quanto sia rilevante in questo contesto il tema dell’autenticità: da un lato intesa in quanto esaltazione e cura della propria bellezza senza artifici, dall’altra parte in termini di prodotti affidabili e che utilizzano i migliori ingredienti naturali per offrire trattamenti di massima qualità.

L’impegno di lunga data di Origins è di scegliere ingredienti vegetali da risorse rinnovabili che garantiscono la protezione della nostra terra e dell’ambiente e, inoltre, di mettere a punto prodotti di elevata efficacia, purificati e testati più volte per renderli altamente sicuri. Utilizzando energia rinnovabile per la lavorazione, nel 2009 Origins lancia il programma “Plant a Tree” in partnership con American Forests’ Global ReLeaf, con l’obiettivo di piantumare alberi in tutto il mondo per sostenere gli habitat naturali e preservare gli ecosistemi.
Da quando è iniziato questo programma, Origins ha piantato oltre 500.000 alberi. Inoltre ricicla i contenitori vuoti dei cosmetici attraverso il programma “Riportalo a Origins” (Return to Origins), utilizzando packaging ecologici e adottando procedure produttive ecologiche, per utilizzare tutte le risorse sostenibili in modo intelligente, rispettoso e responsabile.

Il Gruppo The Estée Lauder Companies Inc., che è produttore e distributore leader mondiale di prodotti di prestigio ed elevata qualità per la bellezza della pelle e il makeup, di profumi e di prodotti per la cura dei capelli, non poteva ignorare questa nuova esigenza da parte delle donne italiane.

Incanti di bellezza con Dolce&Gabbana

di Cristina Minelle – gif Arianna Chierici

Quasi tutte da bambine abbiamo desiderato di diventare una principessa..e qualcuna ci è anche riuscita! Ma per tutte le altre aspiranti che sentono il richiamo del sangue blu? Ci sono Dolce&Gabbana con i loro incanti di bellezza. Piccole magie della nuova collezione Fall in bloom che regalano la corona con un fiore: l’Ortensia.

Dimenticate le etichette di corte e i troni ingombranti, le nuove regine ammaliano con la loro bellezza nel castello incantato del web (e non solo) indossando vivi bordeaux e delicati toni pastello. C’è bisogno di un fiore per essere una testa coronata e il galateo del make-up suggerisce bouquet fioriti: per le labbra di Dolce Matte Lipstick ci sono i colori Carezza, Dolce e Inferno. Le stesse sfumature eleganti e seducenti per lo sguardo, con The Eyeshadow Quad in Fall in Bloom enfatizzato dal mascara Volumized Lashes In Dahlia. I dettagli sono tutto per una principessa in erba e accanto a ricami preziosi e tiare con cristalli anche la manicure è #aristostreet, con tonalità lussuose come Nail Lacquer Light Bloom, Liliac, Inferno e il sempre raffinato Pure Nude.

Pe brillare con stile poi, non basta uno stemma sulla carta da lettere, ci vuole qualcosa di più. Al pari di una royalty rock, ci vuole Creamy Illuminator in Rosa del Mattino che dona al viso un finish luminoso per tutto il giorno. La principessitudine nel beauty ha poche regole (alla faccia del bon ton): sorridere sempre e con garbo è aristocratico, ma esprimere la propria personalità senza preoccuparsi troppo della perfezione è indispensabile per guadagnare il trono.

AAA Cercasi Principe allora, possibilmente amante dei fiori oltre che bello e intelligente. Perché la splendida principessa in Dolce&Gabbana vive una royal-life con mood Ortensia.

LA COLONIA CHE CAMBIA LE REGOLE

di Indievidual Beauty

Se siamo sempre stati abituati a considerare l’accordo colonia come il classico accordo “fresco” della profumeria, è il momento di ricredersi! Con la collezione Les Exceptions, Thierry Mugler ha dato vita all’ottava creazione Hot Cologne, un cocktail impetuoso e audace che infiamma la classica freschezza dell’eau de cologne. Creazione agrumata-speziata, Hot Cologne rivoluziona i codici e risveglia i sensi accendendo la struttura dell’eau de cologne con note audaci. Hot Cologne è, al tempo stesso, una “colonia”, attraverso l’associazione di ingredienti fedeli alla tradizione, con note aromatiche e agrumate (limone, petit grain…) al debutto, seguite da un cuore sfaccettato dalla ricchezza del neroli. Per poi, invece, rivelare una metamorfosi sconcertante e divenire “hot”: un cocktail ardente di spezie (zenzero, cardamomo) e un’overdose di caffè verde, autentico “ospite a sorpresa” croccante e mordace.

Thierry Mugler ci ha ormai abituato a rivedere tutte le nostre idee sull’alta profumeria, creando fragranze eccezionali che osano sorprendenti collisioni olfattive, alchimie mai sentite, preziose e inattese materie prime, reinterpretando i grandi accordi della profumeria classica, proiettandoli nel futuro. Creazioni “faro” nella storia della profumeria, simbolo di freschezza vivificante, le eau de cologne racchiudono tradizionalmente una forte concentrazione di agrumi (bergamotto, limone, arancia…), petit grain (estratto dalle foglie dell’arancio), neroli e altre piante aromatiche per accendere i sensi. Protagoniste di leggende e circondate da un’aura di mistero, sono le degne discendenti delle “acque miracolose”, spesso elaborate nel segreto ben custodito dei conventi.

Il naso Jean-Cristophe Hearult ama descrivere la nuova colonia Hot Cologne come “un nuovo twist gioioso che provoca i sensi, con il suo temperamento audace e la sua firma elegante”. Un twist fiammeggiante che non vediamo l’ora di sperimentare!