SEXY RUBY: LA NUOVA FRAGRANZA FEMMINILE DI MICHAEL KORS

di Anna Maria Negri

Non rinunciare a un pizzico di trasgressione: Sexy Ruby, la nuova fragranza di Michael Kors, come una gemma finemente tagliata, ti invita a entrare nel suo mondo, esaltando il tuo lato più sexy. Guarda attraverso i riflessi del rubino e scopri un nuovo lato della seduzione. Più sicura di te, più audace, più seducente che mai. Lo stile Michael Kors, caratterizzato da un innato senso del glamour e da un occhio di riguardo per l’eleganza senza tempo, si distingue per un lusso tanto pragmatico quanto indulgente, eterno e al tempo stesso moderno.
Profumo brillante come la pietra preziosa a cui è ispirato, Michael Kors Sexy Ruby è un Chypre Fruttato moderno che sprigiona una fiera sensualità. L’eau de parfum si apre con il succoso lampone e albicocca NaturePrintTM , la tecnologia pioneristica grazie alla quale è possibile ricostruire la delicatezza e la complessità di un profumo il più possibile vicino a quello originale presente in natura, che replica alla perfezione l’albicocca appena tagliata, coltivata nella regione francese Languedoc Roussillon. Accenni di pepe si sposano con l’ assoluta di fiori d’arancio, e un tripudio di sensuali petali di rosa, come gemme preziose dal colore scarlatto, si fondono con l’esotico e femminile gelsomino sambac nel cuore della fragranza. Le note finali, profonde, inebrianti ma al tempo stesso luminose, sprigionano il calore del legno cashmeran con le bacche di vaniglia per un’esperienza che esplora questa seducente dualità. Sexy Ruby è racchiuso in un flacone in vetro rosso splendidamente sfaccettato che assomiglia a un ottagono tagliato a rubino e il tappo, quadrato e color oro, come tocco glamour, lussuoso, sexy e inequivocabilmente Michael Kors. La splendida modella lituana Edita Vilkeviciute è il volto della campagna firmata dal famoso fotografo e regista Mario Testino.

 

CAMBIO OCCHIALI, CAMBIO LOOK!

di Sabrina Mellace – foto Gautier Pellegrin

A quante di noi è capitato di svegliarsi una mattina con la voglia di cambiare completamente il proprio look?! Un cambio di colore azzardato o meglio un taglio netto dal parrucchiere? Perché torturarsi…non basterebbe solo un bel cambio di occhiali da sole? Per verificare di persona abbiamo chiamato la nostra lolita Giorgia Faggi, influencer e youtuber, che ha accettato la sfida! Gli occhiali sono quel semplice dettaglio che può trasformarci il volto e farci interpretare qualcuno di diverso ad ogni loro cambio. Abbandonare la propria quotidianità per sentirsi un diva d’altri tempi con occhiali da gatta, trasformarsi in un secondo in una donna futuristica con occhiali ultrapiatti e geometrici. Fare un salto nel passato con occhiali dal sapore retrò oppure vivere il presente con un accessorio cult e super cool firmato Miu Miu. Un cuore spezzato o il cambio di stagione, mille ragioni ci spingono a cambiare look! Perché non evitare un possibile fashion-drama con un veloce cambio di occhiali all’ultimo grido?

Foto 1:
Morbida pelliccia dalle sfumature caffè e collo a contrasto N°21 – Sunglasses tondi dallo stile retrò e dettagli a contrasto Mr. Boho.
Foto 2:
Blazer argentato dalle morbidezze metalliche Missoni – Sunglasses dal design irregolare e geometrico contraddistinti da lenti rimless e ultrapiatte Prada.
Foto 3:
Cappotto con fantasia check sui toni del marrone N°21 –  Sunglasses nelle nuance del rosa antico dalla silhouette ‘full circle’ e le distintive lenti tagliate Miu Miu.
Foto 4:
Giacca in maglia in un mix puntinato di viola e arancio Missoni – Sunglasses dorati dal taglio cat-eye e dettagli che richiamano linee Art déco Dolce & Gabbana.

Photo Gautier Pellegrin
Stylist Sabrina Mellace
Style Assistant Martina Antinori
Makeup Anna Maria Negri using Shiseido Rouge Rouge
Art Direction Andrea Bettoni
Hair Elisa Rampi

Special Thanks @Giorgia Faggi

Unskilled Worker & Gucci

Di Arianna Chierici

Gucci annuncia una speciale collaborazione con l’artista nota come “Unskilled Worker”. Una capsule collection esclusiva che comprende 40 elementi fra capi di abbigliamento, scarpe, borse, articoli in seta e accessori su cui sono raffigurate le opere della talentuosa artista britannica. Ritratti e motivi floreali prodotti dall’artista, tutti nel suo caratteristico stile naïf ed espressivo. Queste opere rivelano uno spirito arguto e giocoso che si addice perfettamente al romanticismo contemporaneo ed eclettico della Maison. La collaborazione fra Alessandro Michele e Unskilled Worker prevede una gamma di articoli che saranno disponibili solamente online a partire dall’11 ottobre. La capsule collection comprende borse a spalla GG Marmont stampate, pantofole Princetown e sneaker Ace, borse shopping con manici in bambù, abiti in tessuto stampato, camicette e gonne in seta, top lavorati a maglia con patch, cardigan, gonne in denim e jeans, t-shirt, felpe, un bomber, oltre a foulard e scialli con le illustrazioni di Unskilled Worker. Il rapporto fra Gucci e Unskilled Worker, pseudonimo di Helen Downie, risale al 2015, quando il Direttore Creativo Alessandro Michele scopre le sue opere su Instagram e la invita a partecipare ad una mostra a Shanghai. La mostra di Gucci No Longer / Not Yet apre i battenti nell’ottobre 2015 al Minsheng Art Museum di Shanghai. Da allora il legame dell’artista con la Maison è diventato sempre più stretto, e questa nuova collaborazione dal carattere innovativo ne è l’espressione.

Per celebrare ulteriormente questa collaborazione, Unskilled Worker ha dipinto un’opera esclusiva e l’ha generosamente messa a disposizione del pubblico, che potrà scaricarla gratuitamente dal sito Gucci.com e da Unskilled Worker.co.uk a partire dall’11 ottobre.
Hashtag: #unskilledworker

Foto 1,3,4: courtesy of Gucci – Shot by Clara Balzary
Foto 2:
Ready for the Palais – by Unskilled Worker
Foto 5: Put a Ring on It – by Unskilled Worker

 

SOS occhiaie: i 3 rimedi di Benefit Cosmetics

Di Valentina Uzzo – gif Mike P. Baker

Stress, stanchezza, cattiva alimentazione, genetica, ma non solo. Sono tanti i motivi per cui ad ogni donna possono venire le occhiaie. Coprirle rendendo il viso perfettamente riposato è un vero e proprio gioco da ragazzi. Lo sa bene Benefit Cosmetics, che dal 1976 propone una serie di prodotti innovativi, ma al tempo stesso divertenti e irriverenti. E la nuova linea di correttori Boi-ng Concealers ne è l’ennesima dimostrazione. Si presenta come la risposta corretta per ogni tipo di occhiaie, dal nuovo look e dai nuovi nomi. “Benefit Boi-ng Airbrush Concealer”, waterproof e dalla copertura medio-leggera, corregge e ritocca imperfezioni, rughette e occhiaie per una tenuta fino a 10 ore. “Boi-ng Brightening Concealer” illumina sguarda stanchi, spenti e corregge le discromie con una copertura intensa. Un vero e proprio correttore dalla forza industriale “Boi-ng Industrial Strenght Concealer”: qui la performance è ai massimi livelli andando a coprire occhiaie intense e imperfezioni.

 

Il lato femminile di AWA E AQUAFLOR FIRENZE

di Linda Cacciavillani

In giorni in cui la lotta per il riconoscimento della parità dei sessi è uno dei temi più discussi e il femminismo viene celebrato in politica come sulle passerelle, un’iniziativa come quella di Aquaflor Firenze a Awa (Advancing Women Artists) non può passare inosservata. Awa, un’associazione fondata dall’americana Jane Fortune nel 2009, si occupa di riportare alla luce le opere di donne che dal Rinascimento al XX secolo hanno espresso il loro genio artistico a Firenze, artiste che proprio per la loro condizione di donna non sono mai riuscite ad emergere e ad essere riconosciute. Affascinata dal potenziale di queste donne artiste, ha fatto del far risorgere le loro opere la sua missione: “Invisible Women”, il libro scritto da Jane e dedicato alle artiste ancora nell’ombra è stato ispirazione di un film documentario vincitore di un Emmy nel 2013. I membri di Awa, una fondazione tutta al femminile, si dedicano infatti alle attività di ricerca, restauro, divulgazione e pubblicazione delle opere di queste artiste “invisibili”, dimenticate, i quali lavori adornano la città di Firenze ma che sono stati per anni trascurati e che necessitano urgentemente di cure per essere salvati dall’oblio. Ad oggi la fondazione ha restaurato 48 opere in alcuni dei luoghi simbolici di Firenze come la Galleria dell’Accademia, Santa Croce, Santa Maria Novella, il Cenacolo di San Salvi e opere esposte in importanti mostre fra cui quella agli Uffizi su Plautilla Nelli, a cui si deve l’opera monumentale più grande mai dipinta da una donna. Affascinata da Aquaflor, un laboratorio e atelier specializzato in fragranze su misura che incarna la tradizione secolare di Firenze, città culla dell’arte del profumo, Jane decide di avviare una collaborazione e creare una fragranza che celebri queste artiste dimenticate.

Nasce così Invisible, una fragranza raffinata e preziosa composta dal parfumeur Sileno Cheloni caratterizzata da un blend di note femminili fiorite, talcate e di violetta accostate alla rara nota dell’osmanto, e da un sorprendente finale di tabacco. Invisible vuole omaggiare la femminilità e l’arte, il genio femminile, e la sua composizione è misteriosa e affascinante come le opere che Awa si impegna a restituire a Firenze nel loro antico splendore. Con Invisible l’arte diventa profumo: i proventi della sua vendita andranno a sostenere le attività di Awa.

SPA Metropole Montecarlo by Givenchy

di Anna Maria Negri

È uno degli indirizzi più prestigiosi di Monaco. Un hotel di lusso che sembra appartenere a un’altra era, un rifugio sontuoso lontano dal trambusto ma nel cuore del Principato. Situato nel Carré d’Or che si affaccia sul Mediterraneo, l‘Hotel Metropole Montecarlo ha un’atmosfera unica, ricca di storia e anima. Il palazzo fu costruito nel 1889 nel più puro stile Belle Epoque. E’ stato completamente rinnovato nel 2004 sotto la direzione del designer francese Jacques Garcia, che ha saputo conservare il suo fascino mediterraneo. Dalle 126 camere e suites, ai ristoranti e alla piscina..tutto l’Hotel Metropole è dedicato ai piaceri della vita, come in un’oasi di lusso e benessere fuori dal tempo e dal caos quotidiani. I tre ristoranti gestiti da Joël Robuchon rappresentano tre esperienze gastronomiche uniche. Con due stelle Michelin, il ristorante Joël Robuchon Monte Carlo offre un menù raffinato con sapori mediterranei, mentre Yoshi, l’unico ristorante giapponese a livello mondiale che vanta una stella Michelin, serve ricostruzioni brillanti della cucina tradizionale giapponese. Il terzo ristorante dell’hotel, Odyssey, riflette le visioni combinate di Joël Robuchon e Karl Lagerfeld, con piatti leggeri stagionali da gustare dalla piscina in uno spazio progettato dal couturier stesso.

È giusto dire che grazie ad un’autentica ricerca di perfezione, l’Hotel Metropole Monte-Carlo offre ai suoi ospiti il meglio del design, della gastronomia e del benessere. Ecco perché la Maison Givenchy ha deciso di aprire qui una SPA e un centro termale, appositamente progettato per questo hotel speciale. Progettata da Didier Gomez, riflette la ricerca e la modernità della Maison, fino al minimo dettaglio: linee pulite e materiali nobili. L’ingresso si intona perfettamente alle finiture marmoree e alle proporzioni minimali sottolineate da audaci linee nere laccate. Materiali contemporanei si fondono con una parete vegetale digitale, un inaspettato incontro con la natura è accentuato da un sottile gioco di luce, creando un’atmosfera vibrante e intima che dona una sensazione di grande serenità. Tutte le dieci sale di trattamento sono decorate sui toni del bianco, con muri rifiniti a sbalzo, per rievocare i pizzi degli abiti Haute Couture. Tra queste vi sono anche una suite doppia e una singola, dotate di sala da bagno e hammam privato. Per un tocco di lussuosa personalizzazione, gli ospiti possono scegliere un profumo per accompagnarli per tutta la loro esperienza, spruzzato su un tessuto nella tasca dell’ accappatoio o sul tavolo da massaggio.

Continue Reading

Ballo in maschera

di Anna Maria Negri – Polaroids di Gautier Pellegrin

No, non stiamo parlando della celebre opera di Giuseppe Verdi. Piuttosto dell’abitudine delle ragazze di tutto il mondo che si preparano insieme per uscire la sera! Oggi la nuova beauty routine prevede senza ombra di dubbio la maschera di bellezza. Ce n’è per tutti i gusti e per tutti i tipi di pelle, da usare anche in combo per le diverse parti del viso. Spesso la preparazione in compagnia dell’amica del cuore è più divertente della serata stessa, una volta superato il tormentone del “non ho niente da mettermi”.

Foto #1: per un effetto a tutta freschezza c’è la maschera Kocostar Cucumber Sliced Mask, che simula l’effetto delle tradizionali fette di cetriolo. Irresistibile! Combinatela con Dragon’s Blood Lip Masks di Rodial, maschere in biocellulosa per labbra che donano un aspetto vellutato e un tocco di volume.
Morbido cappotto effetto peluche Fendi – Lupetto in maglia fina Missoni

Foto #2: per purificare la pelle del naso, un patch di Sephora Collection anti-punti neri, arricchito in estratto di carbone assorbente ed esfoliante, che permette di ritrovare una pelle più pulita in soli 15 minuti. Si scrive 3INA ma si legge Mina. È un nuovo beauty-brand fondato da Pablo Rivera e Mark Eve, che propone 450 prodotti in sei categorie: eyes, lips, face, skincare, nails e tools. Bellissime le loro maschere, soprattutto le patch per il contorno occhi, infuse con un estratto d’oro dalle proprietà idratanti e con l’estratto di rosa che smorza le irritazioni e aiuta la rigenerazione della pelle. E se la vostra amica è una di quelle non smettono mai di parlare consigliatele The Lip Mask by 3INA, per labbra perfettamente idratate e silenziose!
Avvolgente pelliccia dalle sfumature caffè con collo a contrasto N°21

Foto #3: nell’universo del Made in Korea, Skin 79 si distingue per le sue maschere in cotone anatomiche con disegni di animali, divertenti, facili da usare e dai pack irresistibili. Si possono acquistare in esclusiva online sul sito di sephora.it.

Polaroids: Gautier Pellegrin
Art Director: Andrea Bettoni
Styling: Sabrina Mellace
Stylist Assistant: Martina Antinori
Make-up: Anna Maria Negri using MAC Cosmetics
Hair: Elisa Rampi

Girl of Now by Elie Saab

di Anna Maria Negri

Una scia inafferrabile e seducente. Un elisir unico, che esalta tutte le sfaccettature della mandorla. Una sfida all’altezza di Sophie Labbé e Dominique Ropion, parfumeur prodige della maison IFF, che hanno immaginato per Girl of Now un’impronta ammaliante, avvolta nella firma olfattiva di ELIE SAAB: l’irresistibile accordo di fiore d’arancio e patchouli.

Come i ricami che ornano le creazioni più belle del couturier, la pera e il mandarino apportano luminosità e aprono le note di testa della fragranza. La nota del pistacchio, ispirata al Libano, rafforza il fragrante aroma della mandorla amara. Ma la novità fondamentale è la creazione di una nota olfattiva assolutamente originale, creata in esclusiva per Girl of Now: il fiore d’ormond. Finemente realizzato come un abito di alta moda, svela gradualmente le sue golose e preziose sfaccettature grazie a un esclusivo co-distillato: l’assoluta di fiore d’arancio ed essenza di mandorla amara. L’assoluta di fiore d’arancio, particolarmente amata dal couturier, si distingue per la sua luminosità e, quando distillata con l’essenza di mandorla amara, si veste di una nuova sensualità.

Bamboo Bag, un intramontabile contemporaneo

di Sabrina Mellace – gif Arianna Chierici

Era il 1954 quando per la prima volta la Bamboo Bag, firmata Gucci, esordì al cinema al braccio di Ingrid Bergman, in una pellicola di Rossellini “Viaggio in Italia” e successivamente da Vanessa Redgrave nel celebre film di Michelangelo Antonioni “Blow Up” del 1966. Accessorio delle celebrities per eccellenza, la borsa con il manico in bambù fu consacrata a icona di stile, diventando oggetto del desiderio di migliaia di donne grazie alla sua onnipresenza sotto le luci del jet-set. Erano gli anni del dopoguerra, anni in cui la gente aveva ancora bisogno di sperare e di immaginare mondi lontani e floridi: nella caratteristica distintiva della Bamboo bag, le donne trovarono un po’ di speranza in questo accessorio di lusso, quasi esotico. L’uso del bambù infatti fu pensato da Guccio Gucci e, date le origini orientali di questo legno, la borsa della maison divenne l’accessorio più esotico disponibile sul mercato. Oggi come allora una piccola rivoluzione/evoluzione è in atto: la stessa tecnica sviluppata oltre mezzo secolo fa viene utilizzata ancora oggi per scaldare e piegare il materiale. Ciò che nel passato rappresentò una soluzione pratica e innovativa a un problema nato da un’esigenza storica, si è ora trasformato in un elemento stilistico distintivo della Maison.

Il manico che contraddistingue tutti i nuovi modelli della collezione è un dettaglio che il direttore creativo Alessandro Michele non vede solo come riferimento alla ricca tradizione dell’azienda fiorentina, ma anche come tratto distintivo che incarna alla perfezione l’eclettismo dell’attuale estetica di Gucci. La collezione trae ispirazione dal modello Bamboo Classic, che riceve un trattamento speciale nelle versioni in pelle, oggi caratterizzate da una cornice stampata oro. La Classic è prodotta in pelle in tre diverse varianti di colore (rosso, bianco e nero) e in pellami esotici, come coccodrillo e struzzo. Un classico tra i classici, una vera e propria icona tra le borse che hanno segnato la storia del costume e della moda. Alessandro Michele ha conferito il suo tocco personale a questo oggetto – espressione della tradizione stilistica di Gucci – aggiungendo una tracolla con nastro Web e inserendo una versione tascabile di Juvenilia di Jane Austen con copertina a fiori in ogni borsa.

L’idea di accludere alle borse un libro si rifà ad una pratica in uso all’inizio del secolo scorso, quando le donne leggevano libri sui mezzi pubblici per evitare di essere disturbate da gentiluomini mentre viaggiavano da sole. Il passato torna con grande forza e passione: un nuovo must davvero desiderabile!

THE GLAM SUITE

di LolaGlam – foto Angela Improta

La Suite di un Hotel decadente, oggetti vintage e marmi rétro. Un ambiente come ce ne sono tanti, che torna improvvisamente a splendere grazie al glam di una donna speciale, brillante e che non ha paura di osare. Un po’diva, un po’seduttrice..sicuramente molto ironica!

Foto #1
Bulgari Goldea The Roman Night – Le dolci notti romane sono il cuore della nuova fragranza di Bulgari. Il bouquet del profumo è firmato dallo spagnolo Alberto Morillas che ha scelto atmosfere cipriate e muschiate con un cuore floreale per un risultato finale ipnotico, femminile e misterioso, come la città Eterna. Gli accordi olfattivi vanno dal bergamotto alla mora di gelso, dal pepe nero alla rosa, dalla tuberosa al gelsomino a cui si aggiungono poi peonia, vetiver, muschio e patchouli.
Tronchetto in rete open toe con rouches oro a cascata Tipe e Tacchi.

Foto #2
Gucci Bloom è la prima fragranza firmata dal direttore creativo Alessandro Michele e racchiude la filosofia di modernità che contraddistingue la sua visione estetica. Gucci Bloom ricorda un giardino lussureggiante, affollato da diverse specie di piante e dai loro profumi. Le note emergono come un concentrato unico di fiori, che regala un’esperienza olfattiva totalmente nuova. La Tuberosa naturale, raccolta esclusivamente in India, si intreccia con il Gelsomino, il cui estratto è ottenuto attraverso un metodo che miscela l’essenza del fiore con le molecole in esso contenute, svelando sulla pelle un fresco profumo di petali. Gucci Bloom racchiude anche le note di un altro ingrediente, usato per la prima volta in profumeria: il Rangoon Creeper. Scoperta nel Sud dell’India, questa pianta cambia colore sfumando dal bianco al rosa per poi brillare di rosso durante la fioritura, emanando un profumo lievemente cipriato.
Serge Lutens Blusher Duo D1 è un maquillage minimalista in due tonalità per accentuare i contorni del viso.
Shiseido 7 Lights Powder Revival Centennial Edition è un cofanetto di sette ciprie in polvere in una preziosissima edizione vintage glam.

Foto #3
Tronchetto
bronzo open toe con nodo rigido applicato Kallisté.
Sisley Paris crea il nuovo soin Baume-en-eau à la Rose Noire Repulpant Eclat, il trattamento quotidiano ideale per ridensificare la pelle e favorire la luminosità dell’incarnato.
L’esclusivo design dello specchio con luci LED della palette make-up viso e labbra di Cristina Isac per Madina garantisce l’illuminazione perfetta per il ritocco del trucco in ogni momento della giornata.

Foto #4
Serge Lutens Dent De Lait è un profumo latteo ma ha la nota metallica del sangue che si mescola nella bocca del bambino quando perde il primo dente da latte e l’innocenza.
Sandalo gioiello ultra glam con decorazione di fiamme argentate Giuseppe Zanotti.
Clutch rigida con pietre azzurre e oro che ricreano una stella centrale Gedebe.

Foto #5
Maestro Fusion di Giorgio Armani è un perfezionatore dell’incarnato rivoluzionario ispirato al tessuto più sottile del mondo, la superorganza. Grazie alla sua tecnologia con pigmenti “intelligenti” , questo fluido ultra fine si fonde con il colore naturale della vostra pelle. E’ sufficiente una dose della pipette da posare sul dorso della mano per truccare tutto il viso.
MQueen the body lotion ha uno spirito vintage e incredibilmente moderno allo stesso tempo: gli ingredienti principali sono gelsomino Sambac, tuberosa e ylang ylang , vere e proprie star della profumeria. La tradizione viene reinterpretata in chiave moderna e fresca combinandola con pepe rosa e vetiver, estratti con tecniche all’avanguardia. Le note tipiche dei fiori notturni sono delicatamente misteriose e dominanti come non mai.
Chloé perfumed hand cream avvolge le mani in una nuvola di morbidezza al  profumo delle rose appena recise, conferendo idratazione ed elasticità. La formula a rapido assorbimento rende la pelle levigata e aiuta a rinforzare le unghie.

Art Direction Andrea Bettoni, Fashion Editor Sabrina Mellace, Beauty Editor Anna Maria Negri

 

La metamorfosi di Etro

di Arianna Chierici

Due profumi che diventano uno, semplicemente miscelando un determinato numero di spruzzi di due fragranze distinte della linea, da cui si otterrà un profumo personalizzato, singolare ed unico. Sono 28 le profumazioni protagoniste della linea METAMORFOSI che Etro ha creato facendo emergere nuove suggestioni dalle sfumature infinite. Sulla magica scia delle alchimie olfattive, gli accordi fra una spezia piccante, un legno prezioso, una corolla bianca e dolcissima, un granello di resina o una foglia ancora acerba distillati in una goccia di essenza, riescono a suggerire una gamma infinita di atmosfere, di ricordi, di musica, colori e sensazioni. Valenze che mutano in base alle stagioni, alle ore del giorno e della notte e agli stati d’animo di chi li indossa.

I 28 pezzi unici che oggi compongono la collezione di Etro, combinati fra loro a due a due tenendone presente le singole caratteristiche, potranno così dar vita a nuove fragranze dalle sfumature praticamente infinite. Inoltre, le materie prime naturali da cui sono composti i profumi Etro hanno la proprietà di cambiare in base al tipo di pelle con cui vengono a contatto ma anche in base agli umori del momento, così da creare di volta in volta un profumo romantico oppure sensuale o esuberante, fresco o più avvolgente. In questo nuovo viaggio olfattivo Etro celebra l’incontro tra Patchouly e Heliotrope. Universal Light. Luminoso e avvolgente, sa di foglie, di resine e di fiori zuccherini, e nasce dalla fusione del fuoco primordiale della terra con il bianco del cielo. Con la forza di un filtro magico che stempera ogni tensione, è un amplificatore di personalità che nutre, pacifica, sussurra voglia di vivere.

Segui #ETROmetamorfosi per scoprire tutte le combinazioni evocative dei profumi Etro.

LA BELLEZZA DEI CAPELLI HAIRMED

di Anna Maria Negri

La bellezza dei capelli è frutto di attenzione e cura quotidiana da rivolgere sia alle lunghezze, sempre esposte all’azione di agenti aggressivi e prive di capacità di auto-rigenerarsi, sia al cuoio capelluto, strato in cui il capello nasce e si sviluppa più o meno vigoroso e sano.

Il mondo HAIRMED è un sistema completo di prodotti per capelli che nasce da un’interpretazione personale e soggettiva del concetto di bellezza. Ci sono somiglianze, ma non uguaglianze: ogni persona è originale ed unica, quindi merita un’attenzione speciale anche quando si tratta di capelli! Ecco perché HAIRMED propone prodotti “su misura”, trattando differentemente e delicatamente i capelli e il cuoio capelluto di ciascuno.

Il sistema benessere HAIRMED lavora con soluzioni specifiche per la cute e per i capelli secondo un metodo in 3 fasi.
Dermopurificazione profonda della cute. Il massaggio con i dermopurificanti, ricchi di oli essenziali ed estratti vegetali specifici con azione detossinante e purificante, elimina le impurità e promuove la formazione e la crescita di capelli sani e forti.
Detersione delicata e specifica del capello. I bagni eudermici detergono delicatamente con basi lavanti da fonti vegetali e con ingredienti cosmetici specifici integrano e nutrono la struttura dei capelli, in funzione delle diverse carenze. I capelli diventano così morbidi e luminosi.
Nutrizione e integrazione della cute e dei capelli. I nutritivi e le lozioni apportano gli ingredienti essenziali al fabbisogno delle strutture cheratiniche del capello e all’equilibrio idrolipidico della cute.

Da sempre per uno sviluppo sostenibile nel rispetto del pianeta, tutti i prodotti Hairmed sono SLES e paraben free, non testati sugli animali e confezionati con materiali riciclati .